Chi è lo Psicologo?               
 
Spesso si tende a confondere termini come psicologo, psichiatra, psicoterapeuta, ma essi hanno significati ben distinti.
Lo
Psicologo è una persona laureata in psicologia, che dopo il corso quinquennale di studi deve svolgere un anno di tirocinio pratico per poter sostenere l'esame di stato che gli permetterà di esercitare la professione di psicologo. Ogni Psicologo deve essere iscritto all'Albo  regionale e nazionale per poter esercitare la professione. Quindi il mestiere di psicologo non si improvvisa, ma è frutto di un percorso di studi lungo  ed impegnativo.
Per poter essere iscritti all'Albo, ed esercitare la professione di Psicologo, è necessario aver conseguito l'Abilitazione in Psicologia mediante l'Esame di Stato ed essere iscritto nell'apposito Albo Professionale Regionale. Sono ammessi all'esame di Stato i Laureati in Psicologia che siano in possesso di adeguata documentazione attestante l'effettuazione di un tirocinio pratico secondo modalità stabilite con decreto del Ministro della Pubblica Istruzione…".
Lo psichiatra, invece, è una persona laureata in medicina che ha ottenuto la specializzazione in psichiatria. Ha competenze diverse dallo psicologo, in quanto essendo un medico può, per esempio, prescrivere farmaci
Lo psicoterapeuta può essere laureato o in psicologia o in medicina e deve aver frequentato una scuola di specializzazione, almeno quadriennale, che preveda una specifica formazione professionale in psicoterapia.
                                                                            Cosa fa lo Psicologo?
 
La Legge n°56 del 18 febbraio 1989 (Ordinamento della Professione di Psicologo), sancisce che: "La professione di psicologo comprende l'uso degli strumenti conoscitivi e di intervento per la prevenzione, la diagnosi, le attività di abilitazione-riabilitazione e di sostegno in ambito psicologico rivolte alla persona, al gruppo, agli organismi sociali e alle comunità. Comprende altresì le attività di sperimentazione, ricerca e didattica in tale ambito.
Lo Psicologo è quindi un professionista che può fare interventi di prevenzione, diagnosi, riabilitazione e sostegno rivolte all'individuo, al gruppo, alla comunità.
 
                                                          Perchè andare dallo Psicologo?
 
Stare male psicologicamente non significa essere matti  o fuori di testa, ma implica la presentazione di tutta una serie di malesseri
non sempre facilmente gestibili, che fanno soffrire più di una malattia fisica.
Si può ricorrere ad andare dallo psicologo per vari motivi, da quelli che reputiamo più banali ( come ad esempio la fine di una storia sentimentale e la sofferenza che ne deriva) o più complessi ( un attacco di panico).
Ciò che è importante, per prevenire l'aggravarsi di una situazione,  è andare dallo psicologo quando si presentano i primi segnali di disagio, affinchè il professionista possa capire di cosa si tratta ed aiuti l'utente a risolvere il proprio problema o lo invii ad una figura professionale più specifica nella risoluzione del disagio presentato ( Psicoterapeuta o Psichiatra), qualora lo ritenga necessario.
Oltre a risolvere le varie situazioni di disagio psicologico, l'aiuto di uno psicologo è utile per:
  • migliorare se stessi e la qualità della propria vita: ripristinando la  "salute mentale"
  • risolvere problemi, ritrovare se stessi ed imparare ad essere più sereni
  • ottenere un aiuto obiettivo con l'utilizzo di alcune  tecniche di counselling, utili per controllare le situazioni e per analizzarle.
  • interpretare in modo più razionale le situazioni della propria vita
  • parlare liberamente, esprimendo in serenità i propri pensieri, emozioni e paure, contando sul supporto empatico di un professionista che non giudica e di cui ci si può fidare, essendo vincolato al segreto professionale (esteso anche ai familiari).
 
 
 
 

 

 

 

 

 
 
 
Realizzato con SitoInternetGratis :: Fai una donazione :: Amministrazione :: Responsabilità e segnalazione violazioni :: Pubblicità :: Privacy